Al momento stai visualizzando e-fattura esente da IVA emessa tardivamente

e-fattura esente da IVA emessa tardivamente

I contribuenti che pongono in essere esclusivamente operazioni esenti da IVA non effettuano le liquidazioni periodiche. In mancanza delle liquidazioni IVA periodiche non ha senso distinguere il momento in cui il contribuente, esercente un’attività completamente esente, ha emesso, sia pure tardivamente, la fattura elettronica. Pertanto, mancando la liquidazione IVA periodica, l’emissione della fattura tardiva, nei primi nove mesi del 2019, non dovrebbe mai determinare l’irrogazione di una specifica sanzione. Il problema non si pone, peraltro, per i contribuenti che pongono in essere operazioni esenti, obbligati a comunicare i dati al Sistema Tessera Sanitaria: uno degli emendamenti approvati in Commissione Finanze del Senato al decreto fiscale 2019 ha esonerato tali soggetti, sia pure limitatamente al 2019, dall’obbligo di emissione della fattura in formato elettronico.