Al momento stai visualizzando Bollo virtuale sulle fatture elettroniche

Bollo virtuale sulle fatture elettroniche

Il cedente/prestatore dovrà valorizzare, sul formato XML, della fattura, l’apposito spazio e dovrà pagare l’imposta entro 120 giorni dalla conclusione del periodo di imposta. Pertanto, non occorre apporre la marca da bollo.
È opportuno rilevare che, le fatture elettroniche, alla stregua di quelle cartacee, non sono tutte soggette al pagamento dell’imposta di bollo. Difatti, l’imposta di bollo, nella misura fissa di euro 2,00, è dovuta per ciascuna fattura di importo superiore a euro 77,47. L’imposta di bollo sulle fatture elettroniche, è dovuta, pertanto, ogni qualvolta l’importo di tali documenti sia escluso, esente o fuori campo IVA, per un ammontare superiore ad euro 77,47.

versamento dell’imposta di bollo
Il pagamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche è dovuta in un determinato periodo di imposta, ossia:

  • entro il termine di 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio. Pertanto, entro il 30 aprile di ogni anno, salvo gli anni bisestili in cui la scadenza è il 29 aprile;
  • il pagamento deve avvenire mediante Modello F24, con il codice tributo 2501.

trascorsi 120 giorni e omesso il pagamento dell’imposta di bollo, in carico all’obbligato è prevista una sanzione amministrativa, per ogni singola fattura/ricevuta irregolare, di importo pari al doppio o al quintuplo dell’imposta di bollo dovuta