Al momento stai visualizzando Fatturazione elettronica tra privati: quando non è obbligatoria?

Fatturazione elettronica tra privati: quando non è obbligatoria?

In generale, l’obbligo di emissione di fatture elettroniche mediante il sistema di interscambio SdI fornito dall’Agenzia delle Entrate si riferisce alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate tra soggetti:

  • residenti;
  • stabiliti;

Chi sono dunque gli esonerati da tale nuovo adempimento? Per espressa previsione normativa sono esclusi:

  • coloro che applicano il regime forfettario (commi 54-89, art. 1, legge 190/2014)
  • coloro che applicano il regime di vantaggio (commi 1 e 2, art. 27, decreto legge 98/2011)
  • il regime speciale degli agricoltori (articolo 34, comma 6 del Dpr 633/72)
  • le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti di non residenti, comunitari ed extra comunitari

Le fatture elettroniche emesse nei confronti dei consumatori finali sono rese disponibili a questi ultimi dai servizi telematici dell’Agenzia delle entrate; una copia della fattura elettronica ovvero in formato analogico sara’ messa a disposizione direttamente da chi emette la fattura. E’ comunque facolta’ dei consumatori rinunciare alla copia elettronica o in formato analogico della fattura.

 

 

Fatturazione elettronica 2018
Obbligati Coloro che effettuano cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti e stabiliti nel territorio dello Stato.
Non obbligati 
  • coloro che applicano il regime forfettario,
  • coloro che applicano il regime di vantaggio,
  • coloro che applicano il regime speciale degli agricoltori
  • cessioni di beni e prestazioni di servizi rese nei confronti di non residenti